0 comments
Share:

Una cena, un gruppo di amici e la voglia di sperimentare.

Amici di Spirito di Birra, oggi anziché parlarvi di uno stile, una birra, o di un produttore a noi caro, vogliamo raccontarvi l’esito della nostra 1^ cena con degustazione.

Sia chiaro, niente di troppo professionale, diciamo più una cena tra amici con la voglia d sperimentare nuovi abbinamenti tra la birra ed il cibo.

Non volendo perdermi in lunghi preamboli, partiamo subito con gli abbinamenti provati:

  • Aperitivo: “Finger food” con formaggi freschi, pinzimonio e croissant salati.

Per questa portata, abbiamo optato per una birra fresca e “croccante”, capace quindi di accompagnare piatti non eccessivamente intensi senza sovrastarli. La scelta è ricaduta sulla Estival di La Rulles, una Saison fresca e beverina, prodotta con malti Pale e Pilsner, caratterizzata da luppoli americani come: Warrior, Amarillo e Cascade.

  • Primo: Pennette radicchio, salsiccia e zafferano.

Piatto decisamente più complesso, caratterizzato da una grande tendenza dolce bilanciata dalle note amarognole del Radicchio rosso di Treviso. Qui, abbiamo abbinato la Ondineke del birrificio The Glazen Toren, una splendida Tripel delicatamente luppolata. Birra di corpo, sebbene più secca rispetto a tante sue concorrenti; il che ci ha permesso di sostenere egregiamente il piatto senza sconfinare nelle dolcezze.

  • Secondo: Tasca di vitello al forno ripiena con funghi porcini.

Con il secondo, è arrivato il turno della Hiver della Brasserie Fantome. Birra che abbiamo trovato in splendida forma, fruttata e speziata con note di tamarindo e chinotto. Nonostante gli 8° scorre velocissima sul palato, facendo desiderare immediatamente un nuovo sorso.

  • Dolce: Panna cotta con coulisse di fragole e Bavarese al caffè.

Con la Bavarese, abbiamo abbinato la Charbon di The Doeckter Van The Korenaar, una Smoked Stout impreziosita con bacelli di Vaniglia Bourbon provenienti da Reunion e Madagascar.

Con la Panna cotta invece, abbiamo proposto la Cuvee de Pesga di Ca del Brado, una Sour Ale con pesche nettarine di Volpedo.

Nel complesso, la serata è stata un piacevole esperimento e gli abbinamenti tutti apprezzati.

Chissà che non riproporremo la cosa…

Dunque, arrivederci alla prossima puntata.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

X
×